Antro della Strega

Magie, cucina , arte e qualcosa in più

Archive for the ‘Scuola’ Category

Incavolata è dir poco…

2 Comments »

April 19th, 2011 Posted 20:32

Buonasera a tutti,

bhè, le cose sono due, o non avete incrociato bene “i diti”, o i bamabini sono veramente delle bestie, la seconda mi sembra più plausibile anche perchè dopo due giorni di lavoro, l’attività che avevo meticolosamente preparato è andata per la maggior parte in fumo…

Sono arrivata in classe alle 13.15 urlando giuliva, e ne sono uscita alle 16.30 urlando irata e con una grande delusione che ancora non mi è passata; speravo che interessandoli a qualcosa da esplorare come piante e frutti si sarebbero divertiti, ma la cosa è durata veramente poco a causa di quei bambini a cui non importava niente dell’attività scoltasi anche in giardino.

La cosa che mi domando: ma in che mani siamo nel fututro?

“Ai posteri l’ardua sentenza” (Manzoni, 5 Maggio), ma se i posteri sono questi, stiamo freschi; oltretutto il verduraio mi ha fatto spendere €2,45 per: 2 baccelli, 1 aglio, 1 mini pesca ammaccata che mi voleva buttare via (anche se gli avevo detto gentilmente che era per un esperimento di scienze e forse non mi ha fatto pagare), 1 cipolla con sboccio (che non mi ha fatto pagare per tale motivo), 2 pomodorini e 2 patate piccole…

La foto della mia mini spesa per scienze è artistica, ma il verduraio è un artista dei prezzi, forse è stato l’aglio a fare il prezzo!

Adesso vi saluto che vado a mangiare e vi auguro una buona digestione o un buon appetito..

La Streghetta

 

 

Posted in Personale, Scuola

Dinuovo a scuola

2 Comments »

April 19th, 2011 Posted 12:29

Buongiorno a tutti,

quest’anno, a differenza dello scorso, ho fatto un sacco di supplenze, in particolar modo nella scuola elementare, dove ho trovato molte volte (ma ne abbiamo già parlato) un riscontro negativo nella mia figura di insegnante, diciamoci la verità, neanche noi siamo stai poi così buoni con le supplenti, ma mai così irrispettosi. Mi sono trovata in realtà dove dei bambini mi hanno detto appena entrata:” Tanto con noi non ce la fai”, a quel punto mi sono domandata:” Ma dove sono, stò sognando?” bhé, non stavo sognando, ero in una classe un pò movimentata che ha fatto scappare la supplente del giorno prima, io sono resistita fino ad oggi, ma vi posso garantire che è difficile farsi ascoltare e farsi capire da persone che ti ascoltano solo se urli.

Parlando in generale, in tutti i miei incontri ho potuto constatare che questi ragazzi non hanno più rispetto per niente e per nessuno inoltre, e questa è sempre stata la pecca della popolazione italiana a partire dalla scuola, non hanno il senso di classe, di gruppo, vige la regola ognun per se’ e Dio per tutti, se io faccio il monello non mi importa se ci rimette tutta la classe, tutto il gruppo.

Il fatto è che è difficile inculcare in testa questa realtà di innovazione perché purtroppo è insidiata nelle radici del loro essere e purtroppo a scuola non hai il tempo di insegnarlo, alcune volte non hai la forza perchè, come stò facendo io ora, stò ristudiando alcune cose che avevo perso per fare un ‘attività di botanica con loro (sono due giorni che vado a giro a cercare piante e schede), attività che spero gli interessi vivamente; vi farò sapere stasera come è andata .

Devo dire però che rimettermi sui libri non è male, anzi molto stimolante…per questi fini.Eheheh!

Con grande speranza e tanti sospiri per oggi vi saluto

Con affetto e rammarico

La Streghetta

PS: incrociate i “diti” di mani e piedi per me, se sentite un urlo disumano in città, sono io.

PPS: Ma avete visto che ho messo l’iconcina al blog? Che ne pensate?

Posted in Personale, Scuola

Scuola…dove andremo a finire?

3 Comments »

May 12th, 2010 Posted 20:11

riforma_scuola1

Buona sera a tutti!!!!

Vi starete chiedendo il perchè del titolo di questo articolo, bhè la risposta è semplice, non tutti sanno che la scorsa estate per far fruttare il mio odiato diploma magistrale, mi sono inscritta alle liste delle supplenze per asilo nido, scuola d’infanzia e scuola primaria (scuola elementare) di terza fascia, vi starete chiedendo: perchè solo le supplenze per questi tre settori pur avendo una laurea scientifica? La risposta è che il mio diploma magistrale, mi permette solo di supplire in questi settori e anche perchè non ho l’ambita ABILITAZIONE che si poteva ottenere, e sottolineo si poteva, con il corso alla scuola SSIS ovvero la scuola di specializazione all’insegnamento la quale per la scuola primaria non esiste più e ora come ora si può solo ottenere frequentando il corso di laurea in Scienze della Formazione specializzazione in Primaria. Vi starete chiedendo a questo punto: come fai ad insegnare? Come esiste il mistero della Fede, esiste il mistero (e non solo uno) della scuola. In ogni caso, siccome non ho l’abilitazione all’insegnamento, non potrò mai andare oltre alle supplenze e quindi per guadagnare qualche soldo aspetti la fatitica telefonata mattutina!!!

NON é VITA!!!

Il lavoro di insegnante è molto cambiato da quando eravamo noi bambini, l’insegnante o docente, non è più la persona che formava nuove menti per il futuro, ma ora deve essere medico, assistente sociale, confidente, psicologo e quando avanza tempo, formatore, sia per il bambino che per le famiglie e lo stipendio non paga abbastanza, almeno secondo la mia modesta opinione e piccolissima esperienza nel campo.

E’ un lavoro nel quale ci vuole molta passione, in particolar modo nel settore della scuola d’infanzia, ma è una passione che ora come ora tende a vacillare perchè è un lavoro (almeno per quanto riguarda la scuola primaria) che può dare veramente tante soddisfazioni ma altrettante delusioni sia dal punto di vista della scuola (pubblica), che dal punto di vista della politica stessa che stà mettendo ancora di più i bastoni tra le ruote ai docenti e alla scuola (pubblica) stessa la quale, grazie alla riforma Gelmini, non ha fondi scolastici sufficenti per comprare persino la carta igienica oppure, ancora più grave, fare una classe di prima elementare come stà succedendo proprio qui a Livorno dove sarà molto probabile che 25 bambini rimarranno fuori dalla scuola dell’obbligo. Ditemi voi se è regolare tutto questo!!!

In questo lavoro alcune volte devi proprio imparare a distaccarti altrimenti ti prosciuga a tal punto che arrivi a casa e non sai dove battere la testa, perchè in mano non hai solo delle persone da tenere buone per mezza giornata , ma hai delle menti che devi plasmare e dirigere nella direzione giusta , menti che devono imparare a pensare con la propria testa per arrivare in un punto ben preciso del loro futuro che è sempre più incerto, un futuro che non dà modo di pensare con la propria testa a partire dai libri scolastici, un esempio è il sussidiario che ho avuto sottomano quando ho fatto una supplenza di una settimana in una terza elementare, sapete che la pianura è un terreno pianeggiante, cioè senza montagne, che è stata sfruttata dall’uomo per città ed industrie? Bhè, questo è circa quello che spiegava della pianura con un piccolo schemetto di tre disegni delle tre differenti pianure, a quel punto per puro caso, ho trovato a casa il mio sussidiario di terza elementare, tutt’ altra cosa, tre pagine con tante immagini che spiegava per filo e per segno cosa era la pianura e come si formava…bei miei tempi.

Fortuna o non fortuna nel trovare una classe adeguata (e la percentuale stà piano piano diminuendo, visto l’ultima esperienza dove ho iniziato ad urlare alle 8.30 ed ho smesso alle 13.30 quando sono andata via), a me piace insegnare alle elementari è, quando sei fortunata, una bella soddisfazione, ma devo ancora imparare a distaccarmi perché è veramente difficile fare le “maestra” ed essere impotente su realtà che hai in una classe e impotente su altre cose che di vorticano all’interno della scuola stessa…

Voi che ne pensate?

Con affetto

La Streghetta

Tags:
Posted in Pensierini, Personale, Scuola